18 giugno 2013 NEUROPATIA DIABETICA

Dott. Domenico Russo su Facebook
Chi si ricorda la signora con la neuropatia diabetica che scrisse quella bella testimonianza a inizio anno? (vedi il post del 18 Febbraio)
Bene è tornata oggi per il secondo follow up ad altri 4 mesi di distanza: dolore lieve (3/10) localizzato solo alla pianta del piede. Unica terapia una compressa di Tachipirina quando occorre. In realtà è tornata perché vuole trattare una lombalgia.
In sintesi ecco le sue tappe:
In partenza, dolore severo (9/10), “bruciante” costante, con crisi quasi insopportabili, localizzato “a calza” dalle ginocchia ad entrambi i piedi, le piante dei piedi erano la zona maggiormente dolorante. Sonno estremamente disturbato tanto da poter riposare al massimo un paio d’ore per notte, deambulazione molto difficoltosa.
Tutto ciò malgrado terapia con anticonvulsivanti ad alto dosaggio (Pregabalin 150 mg mattina e sera e 75 mg a metà giornata), oppiacei (tramadolo 100 mg al giorno e al bisogno).
Dopo dodici sedute in quindici giorni: dolore completamente scomparso, anticonvulsivanti sospesi fin dall’inizio delle sedute, terapia al bisogno non più necessaria. Mantiene terapia con tramadolo per altri 30 giorni, con prospettiva di graduale sospensione se i risultati si confermeranno ai prossimi controlli.
Dopo quel primo primo ciclo effettuato a settembre, beneficio completo per due mesi. Lieve ripresa del dolore a inizio dicembre su un’area molto ridotta (pianta dei piedi, invece che dolore a calza a partire dal ginocchio).
Nuovo ciclo effettuato a Gennaio con dolore in partenza 7/10 (NRS). Ultimato il ciclo con dolore residuo 1/10.
Ora ad altri 4 mesi dall’ultimo trattamento e 9 mesi dal primo, dolore 3/10 sotto la pianta del piede. Terapia in atto solo paracetamolo 1g al bisogno.
Nuovo follow up in corso.

https://www.facebook.com/domenico.russo.90410?hc_location=timeline

Commenta la discussione